domenica 1 gennaio 2017

4 considerazioni informatiche per questo nuovo anno


Ecco 4 cose scritte da me in base alla mia esperienza, da tenere in considerazione per questo nuovo anno.

1 - REALTA' VIRTUALE

Un grande boooh per quest'anno. Non la trovo ancora pronta come tecnologia. C'é tanto fermento e gente che si butta a capofitto senza prima capire bene il contesto. Ve lo riassumo io come regalo per questo nuovo anno: la realtà virtuale per ora, può funzionare, solo se rispecchia quella reale. Ci vuole un passaggio graduale dalla realtà alla fantasia e il nostro cervello va prima istruito. Non esagerate. Piano e bene.

2 - BIG DATA

Sono qualcosa di impressionante le aziende che considerano questo fattore saranno le piú forti e competitive. L'azienda che quest'anno non raccoglie i dati che semina, è finita. Incrociare dati è un immenso potere. Fatelo! Rendetevene conto e fatelo! E se non lo fate non lamentatevi fra qualche anno, perché la possibilità la avete avuta.

3 - RETI NEURALI

Ah beh di questo ce n'è da parlare a bizzeffe. Basta vedere il mio ultimo post. Se arrivo a fare diventare intelligenti 3 poligoni (qui il mio post a riguardo), vi rendete conto di cosa si può fare e di cosa verrà fatto quest'anno? Piccoli assaggi ce li da già Google. Se tenete aggiornate le vostre app Google Android alle ultime versioni, quando le usate, vi accorgerete che l'app sa cosa tu vuoi da lei è ti aiuta a farlo.

4 - GUIDA AUTONOMA

Niente di concreto ma questo sarà l'anno dei test, il prossimo quello dei collaudi. Ormai ci siamo, la tecnologia c'è, bisogna solo adattarla e provarla.

sabato 8 ottobre 2016

Win 10 update

Ultimamente questo OS ha veramente troppi update i quali non finiscono più.
Se siete in un angoscioso momento di window update (Es.: andare a prendere il figlio a scuola) e lui non ha finito, vi tocca sopprimerlo.
Al successivo login, probabilmente l'update non funzionerà più.
Allora non perdete la calma ma dalla shell digitate:

net stop wuauserv
rmdir %windir%\softwaredistribution  /s /q
net start wuauserv
exit

E tornare ad eseguire l'update

mercoledì 9 marzo 2016

Esecuzione differita QT con lambda C++ 11

Questo è un esempio in Qt, di come creare un azione che viene eseguita dopo tot secondi, senza interrompere il thread di esecuzione del codice. Al "singleShot" passo un lambda di C++ 11, per eseguire un metodo allo scadere del tempo.
//Es.: Codice nello scope di una funzione
...

//Simulazione ritardo hardware
QTimer::singleShot(2000, this, [=]() {
 eseguiDopo();
});

...

//Qui arrivo subito, mentre dopo 2 secondi viene eseguito "eseguiDopo()"
...

martedì 6 ottobre 2015

UML - Le proprietà delle relazioni

Oggi scrivo qualche appunto relativo alle proprietà delle relazioni UML

Ogni relazione fra elementi UML, può avere le seguenti proprietà:

Cardinalità (o molteplicità)
Rappresenta il numero di oggetti minimo e massimo, che è possibile associare ad una classe.
La relazione può essere di tre tipi: uno a uno, uno a molti, o molti a molti. In un diagramma UML è indicata da un numero (1, 1..6, *) vicino alla fine del un segmento di congiunzione ad un elemento.

I possibili valori di molteplicità sono:
  • molti (*)
  • uno (1)
  • zero o più (0..*)
  • uno o più (1..*)
  • zero o uno (0..1)
  • all'interno di un range (2..4)
Guadando le cardinalità dell'esempio del post sulle relazioni UML (e ricordando che la regola  è valida, per il momento temporale in cui viene descritta), abbiamo le seguenti cardinalità:


Un datore di lavoro può avere da un minimo di zero ad uno o più dipendenti (quando un datore di lavoro viene creato, non deve avere necessariamente un dipendente). La molteplicità persona, datore di lavoro invece non è segnata quindi la relazione viene detta indefinita. Una persona ha una sola posizione (e deve necessariamente averne una per il momento ed il contesto in cui si trova) e una entità posizione è ricoperta da una sola persona. Una posizione è creata ed è assegnata da un datore di lavoro e senza di lui non esisterebbe.

Navigabilità
Può essere unidirezionale (un oggetto fa riferimento ad un altro, ma non il contrario), oppure bidirezionale (un oggetto fa riferimento ad un altro e viceversa).

Quando una classe può "navigare" o aggiornare l'associazione vuol dire che ha responsabilità sulla stessa.

Una relazione unidirezionale, può avere anche  una freccia invece del rombo, sul segmento di collegamento fra gli elementi.
Ecco un esempio di relazione di contenimento, unidirezionale:

In questo diagramma, un Libro è un contenitore di (puntatori a) pagine, ma anche le pagine hanno le loro relazioni di navigazione. Un lettore, (oppure un browser), che visualizzano una pagina alla volta, beneficia dei collegamenti alle pagine vicine e al sommario. Ogniuno di questi collegamenti è unidirezionale, e nella figura sopra ne possiamo vedere di tre tipi diversi.

Per la lista di pagine m_pagine non vi è nessuna relazione inversa raffigurata, quindi questa poterebbe rappresentare una relazione di contenimento unidirezionale, ma anche bidirezionale.

Se c'è bisogno che Pagina possa muoversi nell'oggetto Libro che la contiene, la direzionalità sul diagramma, dovrebbe essere mostrata, etichettando l'alta estremità del rapporto e/o aggiungendo un attributo m_libro alla classe Pagina.

Per adesso è tutto, se ci sono domande o altro scrivetemi pure un feedback.

Grazie a tutti.

sabato 19 settembre 2015

UML - Relazioni: composizione, aggregazione, associazione

Studiando UML, non potevo fare a meno di pubblicare qualcosa riguardo le basi.
Per questo motivo, parlerò delle relazioni, che sono il passo fondamentale da compiere ed apprendere per riuscire a convertire in codice, un pensiero astratto.
Quando abbiamo relazioni fra oggetti 1:1 (uno a uno) o 1: * (uno a molti), possiamo usare vari tipi di connessioni per descriverle.
Il seguente diagramma esprime una relazione uno a molti fra le entità coinvolte:


Nel contesto descritto dal diagramma si può desumere che ci possono essere più persone che lavorano per uno stesso datore di lavoro. Lo si vede dalla molteplicità specificata alla fine della relazione: 1 verso il datore di lavoro, * molti verso la persona. * significa 0 o molti (come nel caso di un esperssione regolare).

Dal punto di vista del datore di lavoro la figura seguente ci mostra 3 tipi di relazione:


    1. Relazione di composizione (il rombo pieno) fra DatoreDiLavoro e Posizione. Questo indica che il datore di lavoro che è colui che ha in controllo delle posizioni e senza di lui, tali posizioni non esistono.
    2. Relazione di aggregazione (il rombo vuoto) fra DatoreDiLavoro e il suo personale. Il DatoreDiLavoro controlla un gruppo di Persone durante l'orario di lavoro, ma dopo esse vivono anche senza di lui, hanno una vita propria ed indipendente.
    3. La persona e la posizione ricoperta da essa hanno un associazione bi-direzionale. Questa associazione, nonspecifica niente al riguardo di come è stata implementata e da chi è controllata.
      E'possibile anche, che al momento attuale non esista una persona che lavora per un certo datore di lavoro. Questa relazione può essere verificata, chiamando un metodo (in sintassi C++) Posizione::dammiDatoreDiLavoro(); , che ritornaerà NULL.
      Anche se il diagramma indica una relazione 1:1 tra la persona e posizione, è possibile che una persona possa contenere più posizioni, oppure un datore di lavoro possa assumere molte persone con la stessa posizione.
      Per descrivere un sistema in grado di gestire tali casi, la cardinalità, parleremo di relazione molti-a-molti.

lunedì 8 giugno 2015

Linux Microsoft Code NodeJs e Google Starterkit - Introduzione


Prefazione


Sentire parlare di starterkit mi ricorda gli inizi della mia carriera lavorativa. quando giocavo con gli asp.net starterkit per creare i miei primi siti web interattivi.
Da qualche giorno c'è stato un restiling della sezione Google developers. Sotto la voce web, troviamo in beta un nuovo starter kit. Ma di cosa si tratta?

In poche parole, questo starterkit, è un punto di partenza per far vedere come sia possibile visualizzare web application compatibili su tutti i device, dagli smartphone alle tv, garantendo alte performance in termini di leggerezza, responsività e velocità di caricamento. Inoltre è possibile sincronizzare in realtime layout e dati su diversi device e tenere traccia delle metrice di performance, mobile e desktop.

Iniziamo


Lo starterkit è basato sui seguenti componenti:

NodeJs: Possiamo definirlo un framework che permette l'utilizzo server-side di Javascript.
Npm: E' per Node cio che NuGet è per .Net, e cioè un package manager, che permette di produrre e consumare pacchetti di software (addin, frameworks, ecc..)
Sass: Syntactically Awesome Style Sheets, un preprocessore CSS serve a definire fogli di stile con una forma più semplice, completa e potente rispetto ai CSS e a generare file CSS ottimizzati, aggregando le strutture definite anche in modo complesso.

Controlliamo che node sia installato correttamente, da terminal digitate:
node -v
Se non siete all’ultima versione potete aggiornare il tutto tramite Npm con i seguenti comandi:
sudo npm cache clean -f
sudo npm install -g n
sudo n stable

Setup del Google starterkit


Per prima cosa scaricare lo starterkit da qui: download
Decomprimete i file in una nuova cartella ed aggiungervi il componente Glup tramite Npm:
cd my-project
npm install #(mi raccomando è un processo lungo, abbiate pazienza...)
npm install gulp -g
Ora per fare una prova lanciamo il server locale tramite il comando
gulp serve #(si apre il browser Chrome, premte Ctrl-R per attivare reload automatico)

Installare Code


A questo punto abbiamo bisogno di un editor. Google ci consiglia Sublime, ma io ho optato per Microsoft Code perchè mi piace l'idea di vedere girare sotto Linux cose Microsoft e per imparare ad usarlo.

Scaricate Code al seguente indirizzo web: download

Seguite le istruzioni di installazione qui: istruzioni setup

Se volete fare l’update, su windows è abilitato di defaut, su MAC lo includeranno ma non sarà automatico, su Linux non è previsto (anche se nel menu lo ho trovato ma non fa niente), quindi dobbiamo verificare ogni tanto e farlo da soli.

Su Linux mi raccomando di estrarre i file dallo zip, con il comando: unzip VSCode-linux-x64.zip -d /home/rudy/Develop/VSCode
se usate un gestore d’archivi grafico vi può dare errori strani.

Funzionalità


Per compilare il nostro progetto Code supporta Glup (che possiamo definire un compressore di html, javascript, css ed immagini. Unisce più file assieme e rimuove le parti superflue che non incidono sul normale funzionamento).

Connessione di device fisici


Per connettere i nostri device (nel mio caso Nexus 5 e Nexus 9) per prima cosa abilitiamo il debug USB (link ad abilitazione) e colleghiamoli al PC tramite USB.
Apriamo il browser al seguente URL: chrome://inspect
Ed abilitiamo il port forwarding.

Debug dei device in realtime
Ogni device ha il suo modo per eseguire il debug.

Con Android


utilizziamo i Chrome DevTools che possiamo impostare al seguente indirizzo: chrome://inspect per impostare il tuo device leggi qui: debug setup

Con Safari for iOS


Apri Safari su tuo device iOS.
Connettilo via USB.
Apri Safari sul tuo PC.
Nel menu di Safari’s menu vai su Develop e seleziona il nome del tuo dispositivo.
Seleziona quale tab vuoi debuggare.

Con IE Windows Phone


Al momento non esiste un supporto al debug nativo, ma si può emulare il browser mobile sul desktop con IE 11, vedi qui: win emulator

Debug Nexus 5 e Nexus 9 in realtime


Per prima cosa collego i 2 device alle porte USB del PC e vado all’indirizzo: chrome://inspect su Google Chrome

Otteniamo l’indirizzo ip del PC, nel caso Linux tramite riga di comando “ifconfig”, con windows “ipconfig”.

Sui device apriamo il browser Chrome all’indirizzo ip del PC ottenuto precedentemente e ci colleghiamo alla porta del server Gulp: x.y.z.n:3000 (Es.: 192.168.1.2:3000)

Dal PC all’indirizzo chrome://inspect, vediamo comparire i device collegati e a quale URL.


Editing con Code in realtime


A questo punto da linea di comando raggiungiamo la cartella dello starter kit ed apriamo Code con il comando: “code .”
Clicchiamo sul menu “File” ed abilitiamo il flag “Enable autosave”.

A questo punto possiamo modificare il codice sorgente del programma e vedere in realtime il cambiamento. Inoltre scrollando e navigando sui vari link, da uno device collegati al PC (o dal PC stesso), tutti gli altri lo seguiranno (questo è possibile tramite la funzionalità “browsersync”).